venerdì 12 settembre 2014

R.I.P. Daniza...

E così, alla fine, l'orsa Daniza è stata uccisa...Confesso che quando ieri ho letto la notizia sono rimasta senza parole per il dolore ed il dispiacere ma per nulla meravigliata per il modo in cui si è conclusa questa vicenda. Non ho seguito moltissimo questa vicenda, poichè sono stata fuori fino a qualche giorno fa e, per problemi di connessione, non mi era possibile collegarmi con la regolare frequenza con cui lo faccio di solito. Però ho letto, a suo tempo, di questa mamma orsa che aveva aggredito un cercatore di funghi nei boschi del Trentino...Mi era sembrato alquanto strano che la vittima potesse raccontare di questo incontro ravvicinato con un mammifero del genere perchè so, e meglio di me lo sanno i numerosi veterinari, etologi, guardie forestali ed altri addetti ai lavori, che mamma orsa è, tra tutti gli animali presenti in Natura, in assoluto la più feroce nel difendere i propri cuccioli...Sarà perchè l'orso è un animale solitario, sarà perchè deve difenderli dagli attacchi dei maschi della sua specie, sarà perchè non ha , in Natura, altri predatori oltre il più feroce e temibile tra tutti, l'uomo appunto! sarà per chissà quale motivo ma è decisamente così...quindi, dicevo che essere aggredito da una orsa che protegge i propri cuccioli e poterlo raccontare è una fortuna che credo sia capitata a ben poche persone. Eppure questo solitamente ferocissimo animale ha sì aggredito un possibile predatore ma si è limitata ad un semplice avvertimento anche perchè le foto dell'uomo che ho visto con i miei occhi, mostravano una persona con poche bende e nient'altro...Presumo perciò che Daniza non fosse eccessivamente pericolosa nè aggressiva ma semmai, un animale schivo e timido per Natura che ha, con un certa gentilezza, chiesto ad un altro essere di stare lontano dai suoi figli. oggi poi leggo, tra i vari articoli pro Daniza che girano sul web, che l'uomo era nascosto dietro un cespuglio per cercare di osservare meglio i cuccioli di orso. Mi si conceda quindi che l'innocuo e malcapitato raccoglitore di funghi una probabile aggressione è andato a cercarsela e che nella sua incauta curiosità è stato anche molto fortunato...eppure questa persona, pur sapendo di essere il solo ed unico responsabile di questa aggressione, invece di ritenersi fortunato per essersela cavata con dei semplici graffi ed un grande spavento ed ammettere le proprie responsabilità, era dietro un cespuglio che osservava i piccoli, ha denunciato il fatto facendo passare la povera Daniza per un animale di inaudita ferocia...A seguito di questo episodio sul web, e credo negli uffici preposti in Trentino, si scatena l'inferno...Daniza è un animale pericoloso, che attenta alla vita degli umani innocenti che vivono pacificamente nel loro territorio e quindi va assolutamente catturata e portata altrove...Chi ha seguito la vicenda meglio di me sa, io l'ho saputo tra ieri e oggi, che immediatamente sono sorte moltissime petizioni a favore di Daniza. Perchè? Un orso pericoloso va sì allontanato dal centro abitato...Forse Daniza non era poi così vicina al centro abitato ma è stato un umano incauto, curioso e stupido, si stupido, ad avvicinarsi troppo al territorio di Daniza?Forse Daniza non era poi un'orsa così pericolosa? Forse la sua cattura ed eventuale trasferimento in altro territorio non era la soluzione più adatta? Mah... Di sicuro se persone che in questo caso ne sapevano più di me di questa vicenda, hanno immediatamente cercato di difendere mamma orsa un motivo ci sarà stato. Non si è parlato di morte ma di cattura per trasferimento...Era necessaria questa cattura? Daniza non doveva forse essere lì, in Trentino, ma altrove?Ma come ci è arrivata Daniza in Trentino? Pare ci sia stata portata, dalla Slovenia, per ripopolare il Parco Adamello Brenta che è, appunto in Trentino, e il suo insediamento in questo parco faceva parte di un progetto noto come "Life ursus". Non so nulla di questo progetto ma posso facilmente immaginare che l'intenzione di ripopolare con orsi ed altri animali selvatici il parco suddetto serva non solo al turismo, gite nel parco per osservare gli animali selvatici nel loro habitat naturale, ma anche per ricreare un ecosistema che noi umani abbiamo troppo e con troppa leggerezza in questi ultimi anni, alterato; potrebbe essere tardi ma in extremis ci siamo resi conto che anche noi facciamo parte di un ecosistema molto ben congegnato e che tale alterazione mette a rischio anche la nostra sopravvivenza. Dunque Daniza è stata portata nel luogo dove poi è stata "uccisa" per i nostri comodi e a nostro esclusivo uso e consumo. Posso facilmente intuire e capire che un orso non capisca molto di geografia quindi si sarà sicuramente allontanata dalla zona a cui l'aveva destinata l'uomo ma se un orso non comprende il limite geografico e la distanza che deve mantenere tra sè e l'uomo, l'uomo, al contrario, dato che si ritiene intelligente, si! Quindi ribadisco che il cercatore di funghi che è stato aggredito avrebbe dovuto capire, nel vedere che c'erano dei cuccioli di orso, che nelle immediate vicinanza doveva esserci una madre alquanto inferocita e invece di perdere tempo ad osservarli, con la speranza magari di filmarli per poter postare poi l'inaspettata fortuna su un social, avrebbe dovuto con circospezione ma velocemente allontanarsi. Invece no, si è attardato ed anzi si è nascosto sperando di poterli osservare meglio. Quanta incauta stupidità...basta forse un cespuglio a proteggerti da uno degli animali più furbi e con un olfatto tra i più sviluppati nel mondo animale? Da una mamma altresì...Perchè insisto tanto sul fatto che fosse una mamma? Perchè qualunque mamma, dal più piccolo topolino, al più grande orso passando per le mamme umane, per difendere i propri figli ucciderebbe senza farsi tanti problemi in merito! Io personalmente, se i miei figli fossero in pericolo, non esiterei ad uccidere con le mani nude senza nemmeno pensarci pun attimo...Quindi Daniza ha fatto la sola cosa logica e giusta che ogni mamma farebbe ma...non ha ucciso ha, diciamo, solo avvertito il malcapitato cercando, a modo suo, di dirgli "stai lontano dai miei piccoli". Ecco i fatti, semplici, logici e naturali. Semplici fatti che chiunque avrebbe dovuto e potuto analizzare prima di gridare "Aiuto c'è un orso inferocito"e di decidere, di conseguenza, che tale ferocissimo animale doveva essere catturato. So che i vari tentativi di cattura senza ricorrere all'anestetico, per altro sempre un grosso rischio per animali di cui non si conoscono possibili patologie, si sono rivelati infruttuosi perchè Daniza si è sempre ben nascosta ed ha sempre abilmente evitato la cattura. Questo vuol dire che ha mostrato una notevole intelligenza, decisamente più notevole di chi ha, con la presunzione tipica di noi esseri umani, incautamente gestito la cosa. Sembra anche che nella sua fuga si sia avvicinata troppo ad insediamenti umani uccidendo delle pecore...in Natura è una cosa normalissima. L'orso è un animale carnivoro e qui si trattava di una mamma che aveva due cuccioli da proteggere e nutrire a sufficienza in vista dell'imminente letargo. Quindi mamma orsa si stava mostrando intelligente e furba e cercava disperatamente di stare quanto più possibile lontana dall'uomo che voleva catturarla, nella speranza di poter trovare un posto adatto per iniziare la stagione del letargo inseme ai suoi piccoli. Ma l'uomo, che con sempre maggiore facilità e frequenza mostra la propria faccia crudele e vigliacca non le ha permesso di proteggere se stessa e i suoi piccoli riconoscendo che forse si era iniziata una caccia al mostro con troppa facilità, e per dimostrare al mondo che noi, i più feroci predatori sulla Terra, abbiamo ancora pieno potere sui nostri subalterni, decide di passare alla misura drastica: addormentare l'animale per poterlo, finalmente catturare...  narcosi a cui la povera Daniza non ha retto...tanto era solo un orso feroce e cattivo che prima o poi avrebbe attaccato un altro umano. E qui termina la storia di Daniza, mamma orsa schiva, timida e per nulla feroce che ha trovato la morte per mano del più feroce, vigliacco e crudele predatore che la Terra abbia mai partorito: "l'uomo".La mia personalissima opinione è che Daniza sia stata condannata a morte fin da subito. Che la sua morte sia stata decisa freddamente e a tavolino. Che per una qualche manovra politica sia stata usata per attaccare chissà... gli animalisti, un altro partito politico, il Parco Adamello Brenta, chissà...Personalmente considero la morte di Daniza un omicidio in piena regola, credo che in realtà non sia mai stata prevista la sua cattura per portarla in siti più sicuri per lei e per gli umani. Da quel che vedo sul web altri la pensano così e c'è una forte mobilitazione tesa a boicottare il Trentino e a far dimettere chi ha deciso la morte di Daniza. Poi c'è chi chiede giustizia a cui mi unisco anch'io...Questa è una brutta, sporca, assurda, vergognosa vicenda umana, come solo le vicende che riguardano noi umani sanno essere. Con la morte di Daniza noi umani abbiamo dimostrato ancora una volta la nostra indegnità nel definirci "umani", la nostra vigliacca prepotenza che ci spinge a crederci i padroni civili e intelligenti di questa Terra, salvo poi comportarci come i più vigliacchi dei dittatori, che per paura di perdere la supremazia a suon di sangue conquistata, continuano con leggerezza a versare  altro sangue innocente.  In questa brutta, sporca, assurda, vergognosa vicenda il solo essere che ha dimostrato di avere intelligenza è stata proprio mamma orsa, che trovandosi di fronte al possibile attentatore alla vita dei suoi figli non lo ha ucciso, ripeto io e quaunque altra madre in Natura umana e non ucciderebbe se i suoi cuccioli fossero in pericolo, ma lo ha semplicemente ferito sperando di spaventarlo a sufficienza per far si che si allontanasse dai suoi figli. Quando si è vista braccata si è abilmente nascosta fino a che ha potuto senza aggredire umani ma soltanto animali di cui doveva per forzar nutrirsi. E perchè questo comportamento così cauto, così poco aggressivo? Perchè, dal mio punto di vista di essere senziente e ragionevole, è chiaro che Daniza in questi suoi 20 anni di vita ha imparato a conoscere, e purtroppo a temere, l'uomo riuscendo a capire che è l'essere più stupido e quindi pericoloso che c'è sulla Terra e da brava mamma ha cercato di proteggere i suoi cuccioli tenendosi, da quest'essere crudele e pericoloso tanto quanto stupido, il più lontano possibile cercando, quando è stata costretta suo malgrado ad avere un contatto diretto con lui, di non farlo troppo arrabbiare; ricordiamoci che non ha ucciso chi attentava alla vita dei suoi figli; che ha abilmente evitato le trappole ma che non ha, nell'arco di quasi un mese, aggredito nessun'altro umano. Se noi umani fossimo veramente gli esseri superiori che tanto ci vantiamo di essere avremmo senza molta difficoltà capito, fin dall'inizio di questa vicenda, la natura schiva e mite di Daniza ed avremmo cercato una soluzione alternativa alla coabitazione senza ricorrere ad un omicidio mascherato da azione da buon samaritano.Devo dire che, dal mio punto di vista di umana che prima di amare gli animali ha rispetto per ogni forma di vita che c'è su questa Terra, che un orsa, solo un animale come direbbero alcuni, si è mostrata molto più umana e intelligente dei miei simili che dovrebbero invece vergognarsi per aver strumentalizzato per chissà quali egoistici fini una vicenda che avrebbe dovuto e potuto se non passare sotto silenzio, almeno svolgersi nel miglior modo per tutti: per Daniza, che ci ha rimesso inutilmente la vita, per i suoi piccoli che sono rimasti senza la mamma e che non sappiamo se riusciranno a cavarsela dato che sono troppo piccoli e per noi "umani", che abbiamo perso un'ottima occasione per dimostrarci civili ed intelligenti quel tanto che basta per poter dire che siamo davvero la razza superiore che c'è sulla Terra, cosa di cui dubito sempre più spesso e sempre più fortemente! Siamo i più feroci e crudeli, questo si ma in quanto ad intelligenza e civiltà Daniza insegna...
Riposa in pace Daniza che i tuoi piccoli abbiano maggiore fortuna di te e che sia fatta giustizia per la tua morte assurda... 


Civiltà è ciò che è miracolosamente scampato allo zelo dei governanti.
( Nicolàs Gòmez Dàvila )

5 commenti:

  1. Letto, e confermo che in bacheca non c'era a quanto pare per uno dei tanti misteri di Google.
    Il problema, adesso sono proprio i piccoli mentre il cercatore i funghi se si è fatto medicare in un ospedale penso che la denuncia sia partita d'ufficio ma anche quello sarebbe stato il problema minore in quanto nell'intera vicenda è mancato il Buon Senso.
    A presto...:-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mauri...si ormai Daniza è morta ed i suoi cuccioli hanno ben poche possibilità di cavarsela. Ho letto un paio di giorni fa che sono stati avvistati entrambi, insieme...ma sai non so, onestamente, cosa augurarmi per loro. Che vengano catturati per proteggerli da un mondo in cui non sono in grado di sopravvivere e quindi portati in uno zoo, in un altro parco o peggio in un circo, o che siano lasciati in pace permettendo a Madre Natura di provvedere a loro per come dovrebbe avvenire, o sarebbe potuto avvenire se Daniza non fosse morta per mano nostra ma per un suo incidente in un posto sperduto?Non so...di certo è che le cure parentali degli orsi si protraggono per circa due anni, mi pare, quindi lasciati liberi a loro stessi hanno possibilità quasi nulle di sopravvivenza...e così i morti che noi umani avremmo sulla coscienza diventerebbero tre. Mah...tra l'altro leggevo, non so se è vero, che in quel posto vorrebbero costruire un parco di divertimenti quindi l'insediamento di orsi ed altri animali selvatici diventerebbe un grosso problema, e che questa denuncia da parte del cercatore di funghi era in realtà tutta una montatura...ripeto non so se è vera questa notizia ma ho imparato, da molti anni, che in Italia qualunque paradosso è plausibile; come per esempio, spendere moltissimi soldi per ripopolare un parco di fauna che ormai da tempo non ha il suo habitat in certe zone per poi decidere, un bel giorno, che quella zona è edificabile e cercare modi e possibilità per liberarsi di questa stessa fauna che forzatamente e con costi elevati abbiamo contribuito a collocare sul posto.Mah...
      Ciao Mauri e grazie...

      Elimina
  2. Ciao Rosanna. Sono d'accordo con te quando dici che la cosiddetta presunta supriorità dell'uomo va dimostrata proprio in queste occasioni in cui a contatto con un essere che per muoversi nell'ambiente fa affidamento sull'istinto. In generale credo che chi è, diciamo, più dotato di capacità deve mostrarsi più comprensivo e intelligente nel trovare soluzioni congrue per il bene di tutti. E questa era l'occasione, persa, per mostrare la capacità di discernere e comprendere un essere e rispettarlo nella sua natura e non di sopprimerne, prima della vita, la sua identità. Un orso, un leone ecc. sono esseri viventi con una loro peculiarità che va accettata per quella che è e, se l'uomo crede di essere il padrone della Terra, in nome della sua decantata intelligenza, deve proteggerla.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Angelo ovviamente sono perfettamente d'accordo con te...in effetti lo sbaglio che spesso noi umani facciamo, non solo con gli animali ma anche con figli, mariti, mogli ecc è di cercare di snaturalizzarli per ricrearli come noi li vorremmo...egoisti e stupidi questi atteggiamenti direi...voglio dire un orso, un leone, un qualunque altro animale selvatico e di grosse dimensione è potenzialmente un pericolo per l'uomo se costretti a coabitare insieme in una zona geografica ristretta, quindi nel caso in cui siamo noi umani a creare questa situazione siamo, o meglio dovremmo essere, sempre noi umani a doverne tenere conto proprio perchè abbiamo creato noi la situazione...ma naturalmente siamo si presuntuosi abbastanza da dichiararci intelligenti ma non abbastanza umili da esserlo realmente...
      Ciao carissimo e grazie...

      Elimina
  3. Ciao Ros,
    eccomi!!
    Dopo aver scritto il mio post di questo mese di Settembre sul tema del rispetto, entro quà da te e cosa trovo?! il tuo ultimo post sul medesimo argomento, ma ormai forse non dovrei manco + stupirmi, no?! ))
    Stasera non so dire se mi sentivo + triste, oppure + incavolata ed ecco xkè è nato 1
    sonetto proprio pensando a lei, Daniza & a Marcus & a tutte quante quelle vittime innocenti di troppe ingiuste brutalità, ke adesso stanno davvero esagerando, soprattutto in contemporanea con la riapertura della stramaledetta caccia... ((
    In Community ho postato l'articolo sui cuccioli di Daniza e sulla rivolta animalista x evitar loro il triste destino dello zoo... speriamo ke almeno loro possano avere 1 vita libera & giusta!!
    Ti abbraccio cara, con 1 pò di gusto amaro in bocca... alla prox.

    RispondiElimina